Io e Ernest. Pivano-Hemingway sul filo di un amore

Io e Ernest. Pivano-Hemingway sul filo di un amore

di Guido Guerrera

Sullo sfondo c'è lei, Fernanda Pivano, sottilmente innamorata per essere traduttrice e testimone della vita privata e professionale di Ernest Hemingway. Si tratta di un sentimento profondo e lasciato allo stato puro dal rispetto per se stessa e nei riguardi di cose contingenti che non possono essere mutate a nessun costo. Questa è una biografia romanzata nata dalla personale amicizia tra Nanda e l'autore Guerrera. La svariate testimonianze fornite nel corso di nove anni di frequentazione lo hanno indotto a farne un racconto 'in prima persona' cercando di conferire lo stile di una atmosfera, molto 'flou' , priva di una severa consecutio spazio-temporale, pur attingendo a fatti assolutamente veri. Con un andamento 'circolare', il romanzo parte dall'incontro tra lei e Hemingway a Venezia e dopo aver toccato tappe salienti a Cuba si chiude nella stessa città in un clima di memorie nostalgiche e bilanci di una vita.